Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2016

Michele Abbondanza Guest Maestro at the Masterclass

Michele Abbondanza Guest Maestro at the Masterclass

Nel Masterclass de "L'Arlecchino Errante" la Commedia dell'Arte è un sogno che cambia attraverso gli incontri. Così dopo Cristina Wistari, Piera Principe con Marco Coppo, Bruno Zühlke con Ulfried Kirshofer, Chen Shu Fang con Chen Zhen Zhi, Roman Paska, Gennadi Bogdanov, Peppe Barra, Brigitte Cirla con Vincent Audat, Augusto Omolú, Mona Habib, Yumiko Yoshioka, Leo Bassi, Kalamandalam John con Sathanam Krishnankutty e Margi Vijaya Kumara, Luis de Pauloba, Claire Heggen, Igor Livant, Gardi Hutter, Jeronimo Arenal con Manuel Asensio, Danio Manfredini, quest'anno, edizione del ventennale, è la volta di Michele Abbondanza. Eccellente Maestro e creatore, contitolare della compagnia Abbondanza Bertoni, offrirà, nello stage specifico intitolato L'Essere Scenico la sua particolare e preziosissima esperienza intorno alla relazione tra tecnica e pensiero, tra azione fisica e sentimento, tra forma (e dunque maschera) e anima.

Kabala

Per tutte le informazioni:
seguici su facebook L'Arlecchino Errante Pordenone
e/o sul sito www.arlecchinoerrante.com
Guarda anche i comunicati stampa su:
www.sipario.itwww.teatro.itwww.teatrionline.comwww.klpteatro.it


For all information, follow us onfacebookand/or on thewebsite...

L'Arlecchino Errante compie 20 anni

L'ARLECCHINO ERRANTE COMPIE 20 ANNI Masterclass Internazionale di Commedia dell'Arte e Festival Tematico Una formula originale per un'esperienza di formazione per molti "mitica", tre settimane intense per un viaggio nella Commedia dell'Arte che in realtà è un viaggio nei segreti dell'attore. Come sempre un Maestro Ospite prestigioso.
Il Masterclass dell'Arlecchino Errante, come diversi altri grandi laboratori italiani sulla Commedia dell'Arte, richiama allievi attori da tutto il mondo; ma forse lo fa per una ragione peculiare e speciale: infatti la sua metodologia è predisposta al dialogo con la "biodiversità" delle culture teatrali, quelle tradizionali e quelle d'avanguardia.  E questo si poggia soprattutto sulle inedite intuizioni di Claudia Contin (che negli ultimi anni anche per l'anagrafe è Arlecchino) riguardo al nesso affascinante tra iconografia e carattere, tra maschera e anima, tra estetica e sentimento, intuizioni che hanno …